Home Comunicati stampa il Museo Archeologico Nazionale di Napoli in rete con il Teatro San Carlo/al via la convenzione/Un reperto del MANN in mostra al Lirico Partenopeo per “La Dama di Picche”

il Museo Archeologico Nazionale di Napoli in rete con il Teatro San Carlo/al via la convenzione/Un reperto del MANN in mostra al Lirico Partenopeo per “La Dama di Picche”

9 min read
0
0
239
palmira

Al via la collaborazione tra MANN e Teatro San Carlo

Reperti del Museo in esposizione temporanea in occasione di alcune opere

Si parte l’11 dicembre con la “Dama di picche”

Workshop dedicati alla musica al MANN

Promosso il biglietto integrato nella “Formula duetto”

 Lanciata la scontistica per gli abbonati ad entrambi gli istituti

 

6 dicembre. Un evento simbolico per dare inizio alla sinergia tra il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ed il Teatro San Carlo: in occasione dell’opera Pikovaja Dama -La Dama di Picche, sarà in mostra temporanea al Lirico napoletano il prezioso reperto con testa femminile appartenente alle collezioni del MANN.

La scelta del capolavoro in esposizione non è casuale: il pregevole rilievo proviene da Palmira ed è databile tra la fine del II secolo d.C. ed i primi decenni del III secolo d.C.

L’opera, verosimilmente, doveva completare un monumento funerario, del tipo a camera ipogeico o a torre. A destra del volto, da riferirsi alla defunta, si scorgono le tracce di un’iscrizione in aramaico palmireno.

Se la vicenda di un antico reperto permette di ricollegare, ancora una volta, la storia passata a quella presente (il precoce interesse per il sito di Palmira ci spinge a lanciare un monito sempre attuale per la tutela del patrimonio culturale in aree di crisi), è il fil rouge tra storia, arte e musica ad avvicinare MANN e San Carlo.

Un legame ideale, infatti,  unisce i due istituti, le cui origini affondano nell’illuminata politica culturale di Carlo III di Borbone: a un anno di distanza dalla fondazione del Teatro che porta il suo nome, nel 1738, il sovrano si fece fautore degli scavi che identificarono a Resina il sito dell’antica Ercolano, portando alla luce per prime proprio le strutture della scena del teatro. Un decennio dopo fu la volta di Pompei.

Lo stesso Mozart, nel 1770, visitò Pompei e l’Herculanense Museum di Portici, ricavandone probabilmente le suggestioni che sarebbero riemerse più tardi con la composizione del “Flauto magico”.

Parte integrante dell’azione di Carlo III, ripresa poi dal figlio Ferdinando, fu proprio la costruzione museografica, che si concentrò dapprima presso le residenze reali di Portici e Capodimonte per poi identificare nel Palazzo degli Studi di Napoli la sede di quello che sarebbe diventato il Real Museo Borbonico nel 1816, oggi Museo Archeologico Nazionale.

Le  collezioni stesse del MANN rimandano per più di un aspetto al teatro e alla musica: gli strumenti musicali rinvenuti nei siti vesuviani e le iconografie di mosaici, affreschi, pitture vascolari, sculture recano frequenti rimandi alla musica antica e ai diversi ambiti in cui era praticata.

Sulla scorta di questa matrice culturale condivisa, la convenzione tra MANN e San Carlo, promossa nell’ambito del progetto universitario Obvia- Out of boundaries viral art dissemination, seguirà diversi filoni operativi: da una parte, l’esposizione temporanea di reperti in occasione di alcune importanti opere in cartellone al San Carlo (dopo la “Dama di picche”, anche il “Flauto magico” tra marzo ed aprile 2020, così come il “Maestro di Cappella” nel giugno del prossimo anno prevedranno un’exhibit di capolavori del MANN) e l’organizzazione, da parte del Lirico partenopeo, di workshop e flash mob dedicati alla musica nelle sale dell’Archeologico.

Un secondo ed importante piano sarà rappresentato dalla promozione di un biglietto integrato (Formula Duetto) che, al costo di 18 euro, consentirà, nell’arco temporale di 3 giorni, di partecipare alle visite guidate al Teatro di San Carlo e di accedere al MANN nei periodi di Natale e Pasqua.

Ultima articolazione dell’accordo sarà la scontistica per determinate categorie di utenti: per i titolari di abbonamento OpenMANN sarà possibile acquistare i biglietti al botteghino del San Carlo con lo sconto del 10%; ancora, gli abbonati alla stagione concertistica e sinfonica del San Carlo potranno sottoscrivere card annuali a prezzi promo (15 euro per adulti; 30 euro per una coppia di over 25).

Il Museo Archeologico di Napoli, con le sue collezioni pompeiane ricchissime di riferimenti alla musica e al teatro antico, ed il San Carlo, non sono solo due simboli della città, ambasciatori della cultura italiana nel mondo. La collaborazione che nasce oggi grazie ad una comune visione con la soprintendente Rosanna Purchia, unisce i due istituti, le cui origini sono legate alla politica illuminata di Carlo III di Borbone, con intenti fortemente originali. L’archeologia entra nel Teatro e nel MANN accoglieremo quella musica che, in tanta parte l’antichità ispirò. Un percorso affascinante ha inizio, rivolto ai rispettivi pubblici e più in generale a tutti i cittadini e ai turisti che avranno a disposizione un nuovo strumento integrato. Per la prima dell’11 dicembre abbiamo pensato a un contributo speciale. Il primo pezzo ad essere esposto al San Carlo, sarà una preziosa testa femminile proveniente dalla città martire di Palmira, un messaggio di pace e solidarietà con le aree di crisi del mondo colpite spesso anche con la distruzione dei beni culturali”, commenta il Direttore del MANN, Paolo Giulierini.

Comunicato Dama di Picche

 

Carica altro di articoli correlati
Carica altro in Comunicati stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Controlla anche

la Pasqua social del MANN/ viaggio nei depositi e racconto della tavola dei Romani

#Iorestoacasa: le proposte social del MANN per la Pasqua 2020 Sulle piattaforme del Museo,…