La regolamentazione interna

Lo Statuto

Lo Statuto è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione e dal Consiglio Scientifico e successivamente trasmesso al MIBACT per l’approvazione generale.

I Regolamenti attuativi (presto on line)

Sono stati già approvati gli accordi tra Amministrazione e Sindacati che regolano in conto terzi l’utilizzo degli spazi museali da parte dei soggetti esterni, con conseguente canone di affitto e pagamento delle unità di sorveglianza.
È in corso di approvazione, di concerto con i tavoli sindacali, un regolamento attuativo dello Statuto, relativo al funzionamento degli uffici. Le prime due sezioni di tale regolamento si riferiscono all’istituto della guardiania e custodia e all’istituto dell’ufficio del restauro, comprendente anche l’accompagnamento delle mostre all’estero.

Il presupposto della sezione relativa alla guardiania è quello di migliorare l’offerta al pubblico, partendo da una disposizione del personale tale che tutte le sale siano aperte e prevedendo, nel caso di una riduzione temporanea del personale disponibile, una chiusura delle sale secondo un criterio di priorità, tutelando sempre il nucleo irrinunciabile delle collezioni (Farnese, Pompei mosaici e affreschi, Villa dei Papiri).In casi eccezionali, saranno previsti per le sezioni minori orari più ridotti o apertura su appuntamento. In tali circostanze, la riduzione dell’offerta museale verrà comunicata tramite il nuovo sito internet ed il totem multimediale posto all’ingresso del Museo.

La Carta dei Servizi (presto online)

La carta dei servizi corrisponde nelle linee essenziali alle linee guida dello Statuto ed è stata realizzata dal Servizio Didattico. È stata approvata in Consiglio Scientifico e in CDA contestualmente alle date di approvazione dello Statuto.

Comments are closed.