Home Comunicati stampa Agalma su Nexo+ | Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni “Questo film è una esperienza profonda”

Agalma su Nexo+ | Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni “Questo film è una esperienza profonda”

8 min read
0
0
119

Agalma, la vita segreta del MANN sulla nuova piattaforma Nexo+

Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni

“Questo film è una esperienza profonda”

Agalma, il docufilm sulla vita segreta del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è presente tra le novità di Nexo+, la nuova piattaforma di contenuti on demand per un tempo libero di qualità ideata da Nexo Digital. Scritto e diretto da Doriana Monaco con le voci di Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni, già selezionato alle 17esima edizione delle Giornate degli Autori di Venezia 77, Agalma è prodotto da Antonella Di Nocera (Parallelo 41 Produzioni) e Lorenzo Cioffi (Ladoc) con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli diretto da Paolo Giulierini

Di grande suggestione la narrazione di Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni, che raccontano così il loro incontro con la bellezza del MANN:

Qual è il vostro rapporto con l’arte classica?

Pensiamo a Delfi, alla via sacra che abbiamo percorso e ripercorso più volte negli ultimi vent’anni, con stupore e anche un po’ di spavento. Stupore e spavento: le opere di artisti/artigiani in dialogo diretto con il mito. La capacità di trasmettere la potenza misteriosa del rito attraverso le opere. 

C’ è un personaggio o un mito che per voi ha un significato particolare?

Bergamasco – Narciso. Il suo specchiarsi, il suo perdersi. Una riflessione senza tempo sull’arte e sulla vita.

Gifuni – Il mito della Sfinge. Solo chi risolve un indovinello e sa “giocare” meglio degli altri può salvare una città. E naturalmente il mito di Edipo, la tragica scoperta di se stessi e delle proprie zoppie.

In un momento di pandemia, e quindi di grande sofferenza per la cultura, avete dato voce a un museo. Quale può essere per voi il contributo del digitale alla conoscenza?

I lunghi mesi che abbiamo alle spalle ci hanno mostrato quanto le possibilità legate all’utilizzo del digitale ci abbiano accompagnato con meno asprezza in un tempo sospeso. E certamente potranno continuare ad accompagnarci in futuro, integrandosi all’imprescindibile esperienza “dal vivo” dei corpi, delle opere e degli spazi. Non potranno mai sostituirla, ma potranno sollecitare la nostra fruizione e sicuramente ispirare nuove tecniche e nuove idee.

Come è avvenuto l’incontro con il progetto Agalma?

Antonella Di Nocera ci ha mostrato il lavoro di Doriana Monaco. Ne siamo rimasti incantati, e non abbiamo avuto dubbi: lo sguardo della regista illumina gli spazi del Museo Archeologico ed entra nel cuore delle opere con sapienza e poesia. Agalma coinvolge il pubblico in un’esperienza profonda restituendo lo sguardo e la voce di capolavori approdati al presente da un tempo remoto e misterioso.

Agalma è stato realizzato con il contributo di Regione Campania e la collaborazione di Film Commission Regione Campania. Il film è frutto di tre anni di lavoro sulla quotidianità di uno più importanti musei del mondo, che ha aperto le porte alla giovane regista allieva di FilmaP – Atelier di cinema del reale di Ponticelli.

AGALMA

di Doriana Monaco, presentato alle Giornate degli Autori di Venezia 2020. 

Con le voci di Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni.

Documentario, 54’

Trailer https://www.youtube.com/watch?v=FNPAlf15RzA

Napoli. Nell’illusoria immobilità del grande edificio borbonico che ospita il Museo Archeologico Nazionale, un vortice di attività offre nuovo respiro a statue, affreschi, mosaici e reperti di varia natura. Il film osserva ciò che accade ogni giorno negli ambienti del museo, soffermandosi sulla quotidianità dei lavoratori, alle prese con interventi delicatissimi che necessitano di cura, tempo e manutenzione costante. Le opere che vivono e vibrano da secoli sono monitorate come corpi viventi. Tutto ciò accade mentre da ogni parte del mondo giungono visitatori che popolano le numerose sale espositive sotto l’occhio apparentemente impassibile delle opere che sono protagoniste e spettatrici a loro volta del grande lavorio umano. Tutto fa emergere il Museo come grande organismo produttivo, che rivela la sua natura di cantiere materiale e intellettuale. Agalma (dal greco “statua”, “immagine”) coglie la bellezza del Museo non solo nell’evidenza dei suoi incantevoli tesori di arte classica, ma anche nelle relazioni intime e invisibili che si realizzano al suo interno: il rapporto segreto e sempre nuovo che nasce tra i visitatori e le meraviglie dell’antichità greco-romana; il respiro appassionato di chi pianifica ogni giorno la vita del Museo.

ABBONAMENTI NEXO+

Nexo+ sarà raggiungibile da browser web, attraverso app dedicate per iOS, Android, Apple TV, Android TV, Amazon Fire TV, oltre che via AirPlay e Chromecast e presto anche su Smart TV Samsung e LG. La sicurezza sarà garantita da sistemi DRM certificati e approvati dai principali Studios di Hollywood. L’abbonamento, acquistabile con PayPal e Carta di Credito, costerà 9,99 euro al mese oppure 109,90 euro all’anno. Particolari promozioni saranno proposte agli abbonati Open MANN

Nexo+
Carica altro di articoli correlati
Carica altro in Comunicati stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Controlla anche

Digitalizzazione delle statue della Collezione Farnese/ il MANN con Flyover Zone/ ipotesi di tracce di colore su Ercole e Minerva

Il MANN in rete con Flyover Zone (Indiana, USA) Un progetto di ricerca per digitalizzazion…