Home MannTV 15.06.2017/ Inaugurazione mostra: “il Mondo che non c’era”

15.06.2017/ Inaugurazione mostra: “il Mondo che non c’era”

3 min read
0
1
233

 

Inaugurata ieri la mostra “Il mondo che non c’era”, che ha portato al MANN le meravigliose testimonianze dell’arte precolombiana, passando dagli Aztechi agli Olmechi, dai Maya agli Olchè.

Ospiti d’eccezione hanno attraversato i giardini e le sale del Museo. Primo fra tutti Inti Ligabue, presidente della Fondazione Ligabue e figlio di Giancarlo, paleontologo e cultore della materia. Il presidente della Fondazione Liguabue ha portato a Napoli, dopo Firenze e Rovereto, le meraviglie raccolte in vita da suo padre in oltre 35 anni di collezionismo, dichiarando: “è un onore presentare questa mostra al MANN, uno dei più grandi musei archeologici del mondo”.

Altro luminare della storia dell’arte in generale e, in maniera specifica, di tutta la cultura precolombiana è il Professor Andrè Delpuech, Direttore del Musée de l’Homme-Muséum d’Histoire Nationale Naturelle di Parigi e responsabile delle Collezioni delle Americhe al Musée du quai Branly , il quale dichiara:  “Collaboro con la Fondazione Ligabue da tre anni ed è un sempre un piacere ed un onore poter lavorare al fianco degli italiani, i quali hanno avuto un ruolo di primaria importanza nella scoperta delle Americhe. Questa mostra permette di mescolare l’arte classica con quella precolombiana”.

“Questa mostra rappresenta un contributo importante perché ci fa scoprire una nuova civiltà e ci ammonisce sul dialogo con altri mondi e diverse civiltà  finalizzato alla prevenzione di fenomeni di radicalizzazione delle culture”, queste le parole dell’on.  Antimo Cesaro, sottosegretario ai beni culturali, presente all’inaugurazione.

La dott. ssa Valeria Sanpaolo definisce la mostra “un’occasione unica per conoscere un mondo completamente diverso da quello del Mediterraneo a cui siamo abituati”, mentre il giornalista e scrittore Luigi Necco ha parlato del parallelo tra l’erotismo dell’antico Messico e quello contenuto nei reperti del Gabinetto segreto del MANN.

Non resta dunque che recarsi al MANN e perdersi tra le meraviglie di “un mondo che non c’era”.

 

Load More Related Articles
Load More In MannTV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

IL MATTINO – Dalla Gaiola alla Sanità il MANN adotterà nove siti