Home news NAPOLI MAGAZINE – AL MANN – “Pharmakon”, politica, scienza, magia, nuovo incontro del ciclo Fuoriclassico

NAPOLI MAGAZINE – AL MANN – “Pharmakon”, politica, scienza, magia, nuovo incontro del ciclo Fuoriclassico

5 min read
0
0
170

AL MANN, PHARMAKON. Politica, scienza, magia

Dialogo con Gennaro Rispoli e Lucio Annunziato

Riti di guarigione: il quartetto Faraualla con ‘Ogne male fore’

Giovedì 9 marzo, ore 18

Sala del Toro Farnese

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Ingresso libero

L’ambiguità del concetto di ‘farmaco’ e i riti di guarigione, la medicina e gli antichi scongiuri, saranno gli affascinanti temi al centro di Pharmakon. Politica, scienza, magia, nuovo incontro del ciclo Fuoriclassico. La contemporaneità ambigua dell’antico. Discorsi, suoni, visioni, curato da Gennaro Carillo per il MANN e le associazioni A voce alta e Astrea. Sentimenti di giustizia. Giovedì 9 marzo alle ore 18 (ingresso libero),nella Sala del Toro Farnese del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, si parlerà del potere ‘magico’ della musica e della moderna scienza medica farmacologica con gli interventi di Gennaro Rispoli, primario di Chirurgia generale all’Ospedale Ascalesi, curatore del Museo delle Arti sanitarie e della Farmacia degli Incurabili, Lucio Annunziato, ordinario di Farmacologia presso la Scuola di Medicina e Chirurgia della Federico II, e del quartetto vocale barese Faraualla, che ha dedicato al tema un cd dal titolo Ogne male fore. Il lavoro è frutto di un serio lavoro di ricerca d’archivio e composto di formule rituali di guarigione, tutte rigorosamente nei dialetti pugliesi: a ogni male corrisponde un canto che lo scongiuri o ne suggerisca la cura, attingendo a un sapere arcaico e rinnovandone la tradizione.

I PROTAGONISTI:

Lucio Annunziato – Professore Ordinario di Farmacologia Scuola di Medicina e Chirurgia presso l’Università di Napoli Federico II; Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Neuroscienze. Dal 1995 ad oggi è Direttore della Scuola di Specializzazione in Farmacologia, American Society for Pharmacology and Experimental Therapeutics (ASPET) British Pharmacological Society Editor in Chief: European Journal of Neurodegenerative Diseases Academic Editor: PlosOne Section Editor: Current Opinion in Pharmacology, International Journal of Pharmacology Physiology and Pathology The Italian Journal on Addiction Field Editor: Pharmacological Research.

Gennaro Rispoli – Specialista in chirurgia generale e chirurgia pediatrica. Primario chirurgo da circa vent’anni, è autore di oltre 150 pubblicazioni scientifiche. Dal 2004 dirige la Scuola nazionale ospedaliera di colonproctologia. Attualmente è direttore della Chirurgia generale dell’Ospedale Ascalesi e Direttore della Chirurgia generale e d’urgenza dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. Inoltre Rispoli presiede l’Associazione Culturale per l’Arte e la Storia della medicina Il Faro di Ippocrate, per la quale ha curato varie mostre e pubblicazioni culturali sulla medicina antica

Faraualla – Quartetto vocale nato nel 1995. Dopo aver approfondito singolarmente lo studio e la pratica della vocalità in ambiti musicali differenti, le quattro cantanti hanno trovato un interesse comune nella ricerca sull’uso della voce come strumento, attraverso la pratica della polifonia e la conoscenza delle espressioni vocali di diverse etnie e di periodi storici differenti. Le suggestioni di un percorso attraverso culture tanto lontane fra loro si fondono in una sintesi originale in cui emergono con forza le radici culturali del gruppo. La Puglia è presente nel “suono” che connota la formazione barese, negli strumenti che accompagnano l’esecuzione, nello stesso nome del gruppo. Ogne Male Fore rappresenta un viaggio nell’affascinante e misterioso territorio della medicina popolare. In ogni brano del cd le formule di guarigione rivivono nel canto e nel suono delle Faraualla, in un ideale percorso verso la guarigione fisica e spirituale.

LEGGI L’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

LA REPUBBLICA – Longobardi, babari o innovatori. Trecento reperti all’Archeologico