Home news IL SECOLO XIX – Father and Son, il videogioco del Museo Archeologico di Napoli

IL SECOLO XIX – Father and Son, il videogioco del Museo Archeologico di Napoli

2 min read
0
0
65

Father and Son è gioco narrativo a scorrimento laterale 2D, un viaggio sentimentale di un figlio alla scoperta del padre archeologo mai conosciuto. Durante l’esperienza il protagonista Michael attraversa diverse epoche storiche: dalla Roma antica all’Egitto, passando per l’età borbonica fino alla Napoli contemporanea. Un percorso personale che diventa una storia universale, dove presente e passato si alternano in una serie di scelte significative per il giocatore.

Nella sua ricerca, Michael si perde nelle evocative strade di Napoli, tre chilometri sapientemente riprodotti, incontra dieci personaggi ognuno con una storia da raccontare, una narrazione accompagnata da venti minuti di musiche originali.Esplorando la città partenopea e le sale del Museo, Michael lega la sua narrazione alla narrazione stessa dell’uomo.

Le suggestive grafiche dipinte a mano di Father and Son sono opera dell’artista inglese Sean Wenham che assieme a Fabio Viola, Alessandro Salvati e il compositore Arkadiusz Reikowski, hanno lavorato a stretto contatto con il direttore del MANN Paolo Giulierini e con il professor Ludovico Solima per ideare i contenuti del gioco.

Father and Son, realizzato in inglese e italiano, sarà distribuito gratuitamente e senza contenuti pubblicitari a marzo 2017 su Apple Store e Google Play. Il titolo rientra in una specifica volontà ed esigenza del Museo Archeologico di arrivare a nuovi visitatori attraverso la tecnologia e la rete in una prospettiva di coinvolgimento attivo del pubblico.

LEGGI L’ARTICOLO

Load More Related Articles
Load More In news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

RAI CULTURA – La poesia di Gabriele Tinti al Museo Archeologico di Napoli: legge Alessandro Haber

Gabriele Tinti ha composto una serie di poesia ecfrastica ispirata ai capolavori dell’arte…