Home news LA REPUBBLICA – Il Mann punta sul cinema: un film di Incerti e gli spot firmati Mad per promuovere il museo

LA REPUBBLICA – Il Mann punta sul cinema: un film di Incerti e gli spot firmati Mad per promuovere il museo

6 min read
0
0
661

La nuova campagna di comunicazione dell’Archeologico

di ANNA LAURA DE ROSA

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

Il micro-film di Stefano Incerti al Mann. Sessanta secondi girati tra l’indomito Toro farnese e la Battaglia di Isso diventano un viaggio emozionale scandito dalle parole di Erri De Luca: “Il Museo archeologico nazionale di Napoli è un serbatoio di Grecia dissepolta. Un pellegrinaggio nei volti e nei corpi che ci hanno preceduto. Il più grande banco dei pegni lasciato dal passato”.

Il video istituzionale realizzato dalla factory napoletana “Mad entertaiment” nell’ambito di Obvia, progetto di comunicazione del Mann, è stato presentato al cinema Hart di via Crispi.  Il filmato sarà proiettato  dal primo gennaio in 72 sale italiane, 375 schermi, che fanno parte del consorzio UniCI. Sarà una chicca per 13 milioni e mezzo di spettatori.

Il circuito di sale indipendenti aprirà le porte anche allo spot-cartoon “Heroes never change” firmato dalla Mad con regia di Giorgio Siravo e musiche di Antonio fresa e Luigi Scialdone. Nel cartoon, l’Ercole Farnese e la Venere Callipigia indossano mascherine da supereroi e tirano uno scherzo al custode che ogni mattina li trova avvinghiati nelle sale del Mann.

Il museo va al cinema – spiega il direttore Paolo Giulierini che coordina Obvia con Daniela Savy – E’ un progetto che in questo momento non ha eguali in Italia. Abbiamo bussato alla porta della creatività napoletana per far interagire le eccellenze”.

L’obiettivo è arrivare al record di 500 mila visitatori entro l’anno, ad oggi il Mann è a 450 mila presenze e mancano 15 giorni alla meta. A febbraio il museo cercherà di agganciare i turisti delle navi da crociera, è stato siglato un accordo con una nota compagnia di navigazione: alcuni pezzi del Mann saranno esposti sulle navi per incentivare i passeggeri a visitare il museo – a un costo ridotto – una volta approdati a Napoli.

Si prepara anche una collezione di oggetti e gioielli che riproducono i monili pompeiani: saranno regali preziosi per ospiti particolari e, forse, in vendita nel bookshop.  Intanto la promozione viaggia nei metrò, in aeroporto e da gennaio nelle sale cinematografiche.

“L’evocazione emotiva nel buio della sala prima della proiezione del film  – spiega Luciano Stella della Mad – comunicherà agli spettatori intellettualmente ed emotivamente quello che è il Mann. La meraviglia dei visitatori di fronte alla collezione farnese è stupore ma anche disinformazione. In quanti sanno che il Mann vale un viaggio intercontinentale? In questo progetto ci sono energia, testa, creatività e apertura mentale. La rete esiste, noi l’abbiamo sfruttata”.

Un doppio registro nello spot cartoon e nel video istituzionale per tagliare la comunicazione in base al pubblico. “La troupe è formata dai ragazzi dell’Accademia delle Belle Arti – spiega Incerti, regista e docente – Gli spot partono da una suggestione, il testo di Erri De Luca, e cercano con il linguaggio popolare di far resistere un baluardo contro l’imbarbarimento”.

Incerti ha diversi film in cantiere: la commedia agrodolce “La Parrucchiera”, due film ambientati a Napoli e una pellicola pronta dal titolo provvisorio “Ho riconosciuto la felicità dal rumore che faceva allontanandosi” (citazione di Proust). Quest’ultimo lavoro “parte dallo spettacolo messo in scena a febbraio al Mercadante – dice  il regista – Racconta la storia vera di tre attori, il riscatto delle loro vita con l’arte: Sasà Striano, Gigi Gredendino ed Elena Russo”.

LEGGI L’ARTICOLO

Load More In news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

19.07.2017 – Premio Green Care, Al MANN il Premio “Arte Contemporanea inserita nel Verde”

il Mann, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, nella persona del direttore Paolo Giulier…