Home news NAPOLI ZON – Mann e Meridonare, intesa per il sociale: via al seminario Art Bonus

NAPOLI ZON – Mann e Meridonare, intesa per il sociale: via al seminario Art Bonus

5 min read
0
0
271
Rassegna stampa - Zon Napoli-Mann e fondazionebanco di napoli sociale

Mann e Meridonare, intesa per il sociale: via al seminario Art Bonus

Sarà presentato lunedì 17 ottobre, alle ore 17:00, (Fondazione Banco di Napoli, via dei Tribunali 213) il  Protocollo d’intesa tra il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e Meridonare, piattaforma di crowdfunding sociale meridionale creata della Fondazione Banco Napolicon l’obiettivo di promuovere progetti sociali, culturali e civici: primo frutto della cooperazione sarà il supporto alla  realizzazione di un  Laboratorio didattico per bambini all’interno del MANN, destinato sia alle famiglie napoletane che a quelle dei turisti,  e della nuova sala conferenze.

L’accordo sarà illustrato da Paolo Giulierini (Direttore Mann) e Marco Musella (presidente Meridonare) nel corso del seminario ‘Art Bonus e nuove frontiere del mecenatismo’  e daDaniela Savy curatrice della giornata di studio e coordinatrice del progetto  Obvia (Out of Boundaries Viral Art Dissemination) nel cui ambito è nata la partnership. Sarà presentato inoltre l’accordo tra MANN e Università Federico II(Centro di Ateneo per l’Orientamento, la formazione e la teledidattica) per l’attivazione di tirocini al Museo Archeologico nazionale con il sostegno della Fondazione Banco di Napoli.

Porterà i saluti al seminario Daniele Marrama (Presidente della Fondazione Banco Napoli); introdurrà Daniela Savy (docente di Diritto Europeo dei Beni culturali- Fedrico II). Interverranno: Antimo Cesaro(Sottosegretario Mibact con delega all’Art Bonus), Paolo Giulierini(direttore MANN), Francesca Russo (Polo Museale della Campania), Livio Falcone (Amministratore delegato Meridonare),Gianluca Luise(Presidente Apeur), conclusioni di Marco Musella(Direttore del Dipartimento di Scienze politiche della Federico II).

“Il protocollo d’intesa tra Mann e Meridonare promuoverà  interventi di natura culturale e civica – spiega Giulierini –  Partiamo con un  progetto per gli studenti di età scolare che mira pertanto da un lato al recupero degli spazi con risorse interne al Museo; dall’altra alla costruzione di un calendario della didattica, con nuovi contenuti, rivolti in primis alla cittadinanza, ma anche ai bambini e ai giovani delle famiglie di turisti, con orizzonti sempre più globali: per tale fase occorreranno arredi, materiali, anche hardware e software e risorse per contenuti progettuali”. Tra le attività previste  laboratori con i mattoncini Lego, didattica del fumetto, sport al Museo e  sopratutto tecnologie di avanguardia  per supportare videogame,  ricostruzioni di realtà aumentata, 3D.
Per gli adulti sarà allestita una sala conferenze all’interno della quale saranno previste, oltre le consuete giornate culturali, anche cartelloni di cinema e di spettacolo su temi connessi al mondo antico.

“Nella piattaforma di crowdfunding Meridonare saranno via via inseriti progetti del MANN volti a manutenere e valorizzare il patrimonio archeologico del Museo attraverso il coinvolgimento dei cittadini napoletani, dei visitatori del Museo e di altri potenziali sostenitori che, anche a distanza, vogliano contribuire alla conservazione delle sue bellezze” spiega Daniela Savy. Sia il museo che Meridonare promuoveranno la partnership  sui propri siti e pagine social (facebook, twitter, instagram, google+, linkedin, youtube e pinterest) supportando le campagne crowdfunding attraverso la propria rete di relazioni.

Per Meridonare è un piacere e un onore ospitare i progetti del Mann perché è un modo di contribuire fattivamente al rilancio di Napoli e alla ulteriore valorizzazione dei suoi tesori più belli – dichiara il Presidente Musella – Il Mann, in questo contesto, rappresenta uno scrigno pieno di tesori inestimabili della cultura mondiale”.

LEGGI L’ARTICOLO

Load More Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

LA REPUBBLICA – Longobardi, babari o innovatori. Trecento reperti all’Archeologico